#iostudioeimparoacasa

Un po’ sul coronavirus

28 Mar , 2020  

Da mesi l’attenzione di tutto il mondo si indirizza verso una sola questione: quella del coronavirus. Fin dall’inizio sono stati moltissimi i dubbi riguardo la sua origine, dubbi che hanno alimentato moltissime teorie.

Inizialmente si è parlato di un contagio partito da pipistrelli, venduti nei mercati cinesi. In molti però hanno sollevato il dilemma del paziente 0, colui che per primo avrebbe contratto il coronavirus e che ne avrebbe dato il via alla diffusione. Come sarebbe avvenuto il primo contagio? Più volte infatti avevano ripetuto che non ci fosse un’origine di laboratorio del virus.

Cosa è il CORONAVIRUS ?

I coronavirus (CoV) sono un’ampia famiglia di virus respiratori che possono causare malattie da lievi a moderate, dal comune raffreddore a sindromi respiratorie come la MERS (sindrome respiratoria mediorientale) e la SARS (sindrome respiratoria acuta grave). Il 12 febbraio 2020 l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha identificato il nome definitivo della malattia in COVID-19, abbreviazione per coronavirus disease 2019.

SINTOMI

Febbre e sintomi simil-influenzali come tosse, mal di gola, difficoltà respiratorie dolore ai muscoli, stanchezza sono segnali di una possibile infezione da nuovo coronavirus.

COME PUò ESSERE TRASMESSO ?

Molti coronavirus possono essere trasmessi da persona a persona, di solito dopo un contatto stretto con un paziente infetto, ad esempio tra familiari o in ambiente sanitario. Anche il nuovo coronavirus responsabile della malattia respiratoria COVID-19 può essere trasmesso da persona a persona tramite un contatto stretto con un caso probabile o confermato.

Come avviene la trasmissione: il nuovo coronavirus è un virus respiratorio che si diffonde principalmente attraverso il contatto stretto con una persona infetta. La via primaria sono le goccioline del respiro (droplets) delle persone infette ad esempio tramite:

– la saliva, tossendo e starnutendo

– contatti diretti personali

– le mani, ad esempio toccando con le mani contaminate (non ancora lavate) bocca, naso o occhi.

REGOLE DA SEGUIRE

1 – Lavati spesso le mani con acqua e sapone o usa un gel a base alcolica. Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol

2 – Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani.

3 – Evita contatti ravvicinati mantenendo la distanza di almeno un metro.

4 – Evita le strette di mano e gli abbracci fino a quando questa emergenza sarà finita.

5 – Copri bocca e naso con fazzoletti monouso quando starnutisci o tossisci. Altrimenti usa la piega del gomito.

6 – Evita luoghi affollati.

Di Davide Spinella, dalla redazione di Impreparati.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X
Segnalazione